Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Latvian Lithuanian Macedonian Malay Maltese Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Urdu Vietnamese Welsh Yiddish

Il nuovo assetto organizzativo dell’Istituto Regionale del Vino e dell’Olio, il mercato vitivinicolo al tempo del COVID e le scommesse per il futuro del settore. Sono alcuni dei contenuti dell’intervista al Presidente dell’IRVO Sebastiano Di Bella, che è stato ospite degli studi de ilSicilia.it.

Di Bella è stato in passato Segretario generale dell’Ars ed è un produttore di vino, una commistione tra amministrazione ed esperienza nel campo che possono essere un punto di partenza per il nuovo incarico: “La mia esperienza in Ars, soprattutto nei primi anni, è stata legata all’agricoltura e alle attività produttive – racconta Di Bella – Per altro verso, da 20 anni ho un azienda che produce vino e quindi sono in prima persona coinvolto nelle dinamiche del settore: di come vanno le raccolte, dell’andamento climatico e di come va il mercato del vino della Sicilia“, ha detto Di Bella.

Quello dell’insediamento di Di Bella è sicuramente un anno particolare, vista l’emergenza coronavirus: “Speriamo che questo periodo finisca presto – afferma l’ex segretario generale dell’Ars – Quest’anno ha visto soprattutto una caduta delle vendite tra ristoranti, hotel, Wine Bar quindi nel canale dove c’è maggiore valore aggiunto per le aziende“.

l’IRVO è un soggetto strumentale che lavora con la con la missione che gli dà la politica e con i soldi che gli dà la politica Ma per quanto ci riguarda, cercheremo di venire incontro alle esigenze delle aziende vinicole siciliane e lavoreremo per la promozione su particolari mercati, quelli dove c’è maggior interesse per il vino siciliano”.

Link all'articolo

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. Utilizziamo i cookie per fornire i nostri servizi. Proseguendo in questo sito ne autorizzi il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information