Calendario

<<  Ottobre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    
Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Latvian Lithuanian Macedonian Malay Maltese Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Urdu Vietnamese Welsh Yiddish

olio-olivaIn attesa del riconoscimento IGP da parte dell'Unione Europea, arriva la prima certificazione in protezione nazionale transitoria da parte dell'Istituto Regionale del vino e dell'olio. L'ente è infatti riconosciuto dal disciplinare di produzione dell'olio extravergine Sicilia come organismo di controllo e certificazione.

L'autorizzazione  a svolgere tali compiti è arrivata nel giugno scorso da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.  “Esprimo la mia soddisfazione per questo risultato raggiunto frutto della professionalità dei dipendenti IRVO, dimostrata anche in questo particolare e difficile momento finanziario di fine anno che genera profondo malessere”, dichiara il direttore dell’ente, Lucio Monte.

 

L’olio certificato appartiene ad una piccola azienda olearia del Messinese, Azienda Agricola Calogera Milio. Si tratta infatti di circa duecento chili di olio per un totale di quattrocento bottiglie da mezzo litro. Le varietà sono quelle autoctone del territorio in questione. Una piccola realtà imprenditoriale ma che ha deciso di portare avanti la qualità e l’identità siciliana. Qualità che le è stata riconosciuta anche attraverso questa prima certificazione in attesa che il decreto IGP passi a Bruxelles. L'olio extra vergine in Sicilia  rappresenta più di 100mila aziende, 500 frantoi, 150mila ettari di superficie coltivata con 18 milioni di piante, e una produzione media di 500mila quintali di olio annui. Secondo la denominazione “Sicilia”, l'olio extravergine Sicilia potrà essere prodotto con le olive delle 27 varietà isolane. Dalle più note Biancolilla, Nocellara del Belice e Nocellara Etnea, Tonda Iblea, Cerasuola, Moresca, Ogliarola Messinese alle meno conosciute ma localmente presenti come Brandofino, Minuta, Santagatese, Piricuddara, Verdello, Aitana, Bottone di gallo, Cavalieri, Erbano, Lumiaru, Nerba, Olivo di Mandanici, Vaddarica, Verdese, Marmorigna. Le olive dovranno essere raccolte e lavorate esclusivamente in Sicilia e l’olio dovrà essere imbottigliato entro i confini della regione. Come per le certificazioni del vino, anche per l'olio si sono svolti un esame organolettico svolto da un panel di assaggio e le prove chimico fisiche realizzate presso il Laboratorio IRVO di Palermo, facente parte del Laboratorio Multisito Irvo accreditato da ACCREDIA.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. Utilizziamo i cookie per fornire i nostri servizi. Proseguendo in questo sito ne autorizzi il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information